Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_amburgo

ESAURITO: Quartetto Noûs

Data:

27/03/2017


ESAURITO: Quartetto Noûs

Il quartetto d’archi eseguirà composizioni di Giacomo Puccini, Dmitrij Shostakovic e Felix Mendelssohn

Il Quartetto Noûs, formato da quattro giovani musicisti italiani - Tiziano Baviera (violino), Alberto Franchin (violino), Sara Dambruoso (viola) e Tommaso Tesini (violoncello) -, nasce nel 2011 all’interno del Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano. Frequenta l’Accademia “Walter Stauffer” di Cremona nella classe del Quartetto di Cremona, e la Musik Akademie di Basilea studiando con Rainer Schmidt (Hagen Quartett); si perfeziona con Aldo Campagnari (Quartetto Prometeo), Hatto Beyerle (Alban Berg Quartett) e in seguito presso l’Escuela Superior de Música "Reina Sofia" di Madrid e l'Accademia Musicale Chigiana di Siena con Günter Pichler (Alban Berg Quartett). Frequenta attualmente la Musikhochschule di Lubecca nella classe di Heime Müller (Artemis Quartett).

Si esibisce per importanti realtà musicali italiane, tra le quali la Società del Quartetto di Milano, l’Unione Musicale di Torino, gli Amici della Musica di Firenze, Bologna Festival e Musica Insieme di Bologna, la Società del Quartetto di Bergamo, la Società Veneziana di Concerti, l'Associazione Chamber Music di Trieste, l'Associazione Musicale Lucchese, I Concerti del Quirinale a Roma, lo Stradivari Festival di Cremona, le Settimane Musicali di Stresa.

Ma che cosa significa il nome? Noûs (nùs) è un antico termine greco il cui significato è “mente” e dunque razionalità, ma anche “ispirazione e capacità creativa”.

Luogo dell’evento: Istituto Italiano di Cultura Amburgo

Ingresso libero – Si prega di prenotare telefonicamente allo 040 / 39 99 91 30, via email all’indirizzo events@iic-hamburg.de oppure direttamente sul nostro sito.

Informazioni

Data: Lun 27 Mar 2017

Orario: Alle 18:30

Organizzato da : IIC Hamburg

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura

1097